NEWSLETTER PA | III/2019
 

SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO
Le opportunità della nuova convenzione

Risparmi economici, gestione efficace della sicurezza e adeguamenti tempestivi con la nuova iniziativa per la gestione integrata della sicurezza sui luoghi di lavoro.

Dal 25 marzo 2019, è attiva la Convenzione Gestione integrata della sicurezza sui luoghi di lavoro 4. L’iniziativa consente di realizzare risparmi economici e di ottenere una gestione della sicurezza più efficace, anche grazie alla centralizzazione di tutte le attività presso un unico referente. Permette, inoltre, di far fronte tempestivamente alle variazioni e agli aggiornamenti normativi in materia di sicurezza e di operare a costi certi e programmabili in funzione delle mutevoli esigenze e necessità. Le Amministrazioni possono scegliere tra due modalità di acquisto: un “servizio Integrato” comprensivo di tutti i servizi necessari per la gestione integrata della sicurezza o i “servizi a catalogo”, acquistabili singolarmente in base alle specifiche esigenze.

La Convenzione ha una durata di 2 anni, con possibilità di estensione per altri 12 mesi, mentre i singoli contratti delle Amministrazioni hanno una durata di 3 anni.

Le attività aggregate nel “Servizio Integrato” sono ricomprese nei seguenti ambiti di operatività:

1. Ambito Gestione e coordinamento

  • Segreteria organizzativa
  • Assistenza nelle relazioni
  • Sistema informativo del servizio integrato
  • Coordinamento centrale
  • Integrazione gestionale servizi appaltati a terzi

2. Ambito Organizzazione

  • Supporto all’organizzazione funzionale della P.A.
  • Gestione del sistema premiante Inail

3. Ambito Tecnico

  • Valutazione dei rischi, RSPP e ASPP
  • Pianificazione delle misure di adeguamento
  • Pianificazione dell’emergenza
  • Redazione del DUVRI
  • Sistema di Gestione della sicurezza sul lavoro (SGSL)
  • Sistema di Gestione adeguamento antincendio (SGSA)

4. Ambito Servizi alle persone

  • Formazione e informazione
  • Sorveglianza sanitaria

Con tale modalità di acquisto, a fronte del pagamento di un canone, l’Amministrazione riceve l’erogazione in forma integrata di tutti i servizi compresi nell’Ambito Gestione e coordinamento e nell’Ambito Organizzazione e di una parte dei servizi dell’Ambito Tecnico e dell’Ambito servizi alle persone.

La modalità di acquisto “Servizi a catalogo” prevede, invece, la possibilità di acquistare singolarmente i servizi di proprio interesse tra quelli ricompresi nelle seguenti macro categorie:

1. Servizi Gestionali

  • Call center
  • Sistema informativo

2. Servizi Tecnici

  • Valutazione dei rischi (DVR): Gestione DVR, RSPP, ASPP
  • Documento Unico di Valutazione dei Rischi da Interferenze (DUVRI)
  • Piano delle misure di adeguamento (PMA)
  • Piano d’emergenza (PdE)
  • Prove d’evacuazione (PE)
  • Sistema Gestione adeguamento antincendio (SGSA)
  • Sistema di Gestione della sicurezza sul lavoro (SGSL)

3. Servizi alle Persone

  • Piano di formazione, informazione e addestramento (PFIA)
  • Corsi di formazione (CdF)
  • Piano di sorveglianza sanitaria (PSS)
  • Visite mediche ed esami di laboratorio

Per i Servizi a catalogo, l’Amministrazione seleziona i servizi e le attività desiderate, tenendo presente che i Servizi gestionali saranno automaticamente attivati con l’affidamento di uno o più dei servizi compresi tra i Servizi tecnici e alle persone e il loro costo si intende compreso nel costo dei servizi attivati.

Ecco di seguito l’elenco dei lotti attivi:

  • Lotto 1 - Valle d'Aosta, Piemonte e Liguria - SINTESI S.P.A.
  • Lotto 2 - Lombardia e Trentino Alto Adige - SINTESI S.P.A.
  • Lotto 3 - Veneto e Friuli Venezia Giulia - CONSILIA CFO SRL
  • Lotto 4 - Emilia Romagna, Marche e Abruzzo – IGEAM
  • Lotto 5 - Sardegna, Toscana e Umbria - CONSILIA CFO SRL
  • Lotto 6 – Lazio - SINTESI S.P.A.
  • Lotto 8 - Puglia e Basilicata - CONSILIA CFO SRL
  • Lotto 9 - Calabria e Sicilia - SINTESI S.P.A

Il lotto relativo a Campania e Molise sarà attivato entro la fine di aprile.

Aderire alla Convenzione è semplice. L’Amministrazione deve:

  • emettere una Richiesta preliminare di fornitura
  • valutare la relazione di Audit preliminare e il Piano dettagliato delle attività consegnato dal Fornitore
  • emettere l’Ordinativo principale di fornitura
  • formalizzare il Verbale di consegna
Per saperne di più …
  CONVENZIONI  
Attivi tutti i Lotti per la nuova Convenzione sul Gas naturale

È attiva, per tutte le Regioni, la Convenzione Gas naturale 11, con condizioni prestabilite e trasparenti, monitoraggio dei consumi e scelta tra prezzo fisso e prezzo variabile.

Sono ora attivi, per tutte le Regioni, i lotti dell’undicesima edizione della Convenzione Gas naturale. L'Amministrazione può usufruire, in piena autonomia, delle opportunità di risparmio offerte dal libero mercato senza alcun onere gestionale aggiuntivo: è il fornitore a dare l'assistenza necessaria all'attivazione dei nuovi contratti di fornitura e a predisporre il necessario per il monitoraggio dei consumi, assumendosene ogni relativo onere. La P.A. ha, inoltre, la garanzia di utilizzare un contratto con prezzi e condizioni prestabilite e trasparenti.

I Lotti 2, 3 e 4 – relativi a Lombardia, Veneto, Trentino Alto Adige, Emilia Romagna e Friuli Venezia Giulia - erano stati già attivati nel mese di gennaio mentre, di seguito, sono elencati i lotti attivati nel mese di marzo:

  • Lotto 1 - Valle d’Aosta, Piemonte, Liguria - ESTRA ENERGIE S.R.L.
  • Lotto 5 - Toscana, Umbria, Marche - ESTRA ENERGIE S.R.L.
  • Lotto 6 - Lazio - ESTRA ENERGIE S.R.L.
  • Lotto 7 - Abruzzo, Molise - HERA COMM S.R.L.
  • Lotto 8 - Campania, Puglia, Basilicata - ESTRA ENERGIE S.R.L.
  • Lotto 9 - Calabria, Sicilia – AGSM ENERGIA S.P.A.

Le forniture a prezzo variabile, fatta salva una diversa data concordata tra le parti, saranno attivate il 1° giorno del secondo mese successivo, se l’ordine è inviato entro il 15 del mese, e il 1° giorno del terzo mese successivo se l’ordine è inviato dopo il 15 del mese (ad esempio, per attivare le utenze il 1° febbraio 2020, è necessario emettere l’ordinativo entro il 15 dicembre 2019). Per l’attivazione delle forniture a prezzo fisso è necessario consultare la tabella dell’art. 2 lettera g) del Capitolato Tecnico.

Per i soli Punti di consegna / riconsegna, per cui è stata acquistata la fornitura a prezzo variabile e che sono stati attivati nel primo trimestre di ogni anno, la durata della fornitura sarà valida fino al 31 marzo dell’anno successivo.

Infine, il quantitativo di gas naturale che il fornitore è obbligato a rendere disponibile per l’acquisto a prezzo fisso, è fissato al 50% del quantitativo massimo di ogni lotto.

I prezzi in Convenzione sono rappresentativi della quota energia comprensiva di trasporto e restano pertanto a carico della P.A. le imposte e le addizionali previste dalla normativa vigente, il servizio di distribuzione e gli ulteriori oneri previsti dalla normativa vigente.

In tutti i casi, i corrispettivi sono pubblicati nella pagina del Portale dedicata alla Convenzione, nella quale sono disponibili tutte le informazioni e saranno comunicati eventuali aggiornamenti.

Per saperne di più …
  MERCATO ELETTRONICO  
Le opportunità del MePA per piccoli artigiani e manutentori

Due categorie del bando Servizi consentono ad artigiani e piccole imprese di svolgere attività di manutenzione e riparazione per beni, apparecchiature e impianti della Pubblica Amministrazione.

I piccoli artigiani possono prestare i loro servizi alle Pubbliche Amministrazioni grazie alle due categorie di abilitazione “Servizi di assistenza, manutenzione e riparazione di beni e apparecchiature” e “Servizi agli Impianti - manutenzione e riparazione” previste nel bando del Mercato Elettronico Servizi. Un’opportunità che possono cogliere anche le imprese o i titolari di impresa individuale che non hanno la qualifica di artigiano.

Ciò rappresenta un’occasione per le Amministrazioni, che possono ricorrere a lavoratori specializzati, ma anche per i piccoli artigiani e le piccole imprese del settore che, abilitandosi al MePA, possono aprirsi a nuovi canali di lavoro

I Servizi di assistenza, manutenzione e riparazione di beni e apparecchiature previsti dal bando si applicano alle seguenti sotto-categorie:

  • apparecchiature ICT
  • arredi, attrezzature alberghiere, di ristorazione e catering
  • veicoli e forniture per la mobilità
  • attrezzature cimiteriali
  • apparecchiature elettromedicali
  • apparecchiature di misurazione, collaudo e prova
  • strumenti musicali, attrezzature sportive e ricreative
  • tessuti, indumenti (dpi e non), equipaggiamenti e attrezzature di sicurezza/difesa
  • macchinari, soluzioni abitative e strutture logistiche

Sono, ad esempio, negoziabili la riparazione e manutenzione di veicoli, di personal computer e attrezzature d'ufficio, di attrezzature mediche, indumenti, macchinari, etc.

Per i Servizi di manutenzione e riparazione degli impianti sono, invece, previste 5 sotto-categorie:

  • climatizzazione e produzione ACS
  • idrici e idrico-sanitari
  • antincendio
  • elettrici e speciali (telefonici e affini, sicurezza e controllo accessi)
  • elevatori

Ad esempio, in questa categoria è possibile negoziare servizi di manutenzione degli impianti di illuminazione pubblica e semaforica, di reti dati, di caldaie e generatori, di scale mobili e ascensori.

Entrambe le categorie non prevedono la pubblicazione di un catalogo: i servizi possono essere acquistati esclusivamente attraverso una Richiesta di offerta (RDO) a più fornitori o una Trattativa diretta.

Per saperne di più …
  CONVENZIONI  
Licenze tradizionali e on line con Microsoft Enterprise Agreement 5

Semplificazione della procedura d'acquisto, riduzione dei costi e flessibilità sono i principali vantaggi dell’iniziativa Microsoft Enterprise Agreement recentemente aggiudicata. L’attivazione è prevista nel mese di aprile.

Giunta alla quinta edizione, è stata aggiudicata la Convenzione Microsoft Enterprise Agreement che consente di amministrare centralmente la pianificazione e la gestione dell’asset delle licenze d’uso del software Microsoft, per le postazioni di lavoro e per i server.

La modalità di licensing dei prodotti Microsoft del tipo «Enterprise Agreement» (EA) è dedicata alle organizzazioni con un parco macchine superiore ai 250 client e risulta economicamente più conveniente rispetto agli acquisti effettuabili per volumi di client inferiori. Inoltre, le Amministrazioni possono acquisire tutti i prodotti Microsoft presenti in Convenzione, siano essi destinati al parco client che server.

Le licenze d'uso "Enterprise Agreement" disponibili riguardano le piattaforme di software Microsoft sia del tipo on-premise (tradizionali) sia on line con modalità “dual use right” (facoltà dell’Amministrazione di procedere all’installazione del software su macchine fisiche o di fruirne in modalità “cloud”). Non è, invece, prevista, in questa edizione della Convenzione, la presenza di prodotti / servizi erogati in modalità “cloud only” (come ad esempio la famiglia dei prodotti / servizi Azure).

La disponibilità d’acquisto della tipologia di licenze "dual right" sarà permessa alle sole Amministrazioni che già in precedenza disponevano di licenze Cloud, a prescindere dalla pregressa modalità di acquisizione delle stesse.

L’iniziativa ha una durata di 12 mesi, più un’eventuale proroga di ulteriori 6 mesi; i contratti attuativi delle singole Amministrazioni hanno una durata di 36 mesi.

Il valore complessivo della Convenzione è pari a 164 milioni di euro, di cui 126 milioni per le forniture iniziali e 38 milioni per le forniture successive. L’importo globale è assegnato per il 70% alle Licenze d’uso Microsoft EA on-premises e per il restante 30% alle Licenze d’uso Microsoft EA “dual use rights”.

Per saperne di più …
  CONVENZIONI  
Pubblicato in Gazzetta Ufficiale il nuovo Decreto “Benchmark”

Il nuovo decreto definisce le prestazioni principali e le caratteristiche essenziali delle iniziative che le Amministrazioni devono utilizzare come benchmark per gli acquisti.

E’ stato pubblicato, nella Gazzetta Ufficiale del 13 marzo, il nuovo Decreto del Ministero dell’Economia e delle Finanze che individua le prestazioni principali oggetto delle Convenzioni e le relative caratteristiche essenziali.

Il Decreto stabilisce per ciascuna Convenzione le “prestazioni principali” oggetto dell’iniziativa e le “caratteristiche essenziali” (massimo quattro) che rappresentano gli “elementi sostanziali” dell’oggetto delle Convenzioni. Le Amministrazioni obbligate possono, quindi, ricorrere ad acquisti in autonomia solo in caso di esigenze specifiche di approvvigionamento non soddisfatte dalle caratteristiche elencate nel decreto.

Inoltre, le caratteristiche essenziali, insieme ai relativi prezzi costituiscono i parametri di qualità e prezzo (c.d. “benchmark”) che tutte le Pubbliche Amministrazioni devono rispettare per gli acquisti autonomi di beni e servizi disponibili anche in Convenzione.

Tra le 15 Convenzioni elencate nel decreto, sono presenti quelle per gli angiografi, l’energia elettrica, i farmaci neoplastici e immunomodulatori, i tomografi computerizzati e a risonanza magnetica, le fotocopiatrici multifunzione e le stampanti, i pc portatili e tablet, i servizi di print & copy management e di posta elettronica. Ma il decreto conferma anche le caratteristiche essenziali definite dal precedente decreto del 28 novembre 2017, relativo ad altre 22 Convenzioni, tra cui buoni pasto elettronici, buoni acquisto carburante, reti locali, telefonia mobile, servizio luce, fotocopiatrici, gas naturale, carte di credito, pc desktop, stampanti e acquisto di autobus.

È bene sapere che, nel caso in cui il bene o il servizio oggetto del Decreto ministeriale sia acquistato attraverso altri strumenti come il Mercato Elettronico della P.A. o il Sistema dinamico di acquisizione, il benchmark va in ogni caso rispettato, così come previsto dalla normativa generale.

Per saperne di più …
  CONVENZIONI  
Aggiudicato il lotto 2 della Convenzione Angiografi fissi 3

Servizi inclusi e tanti dispositivi opzionali per l’iniziativa sulla fornitura di angiografi vascolari che sarà attiva entro maggio.

E’ stato aggiudicato, e sarà attivato entro fine maggio, il lotto 2 della Convenzione Angiografi fissi 3, dedicato agli angiografi vascolari a pavimento.

La fornitura delle apparecchiature prevede alcuni servizi inclusi nel prezzo della fornitura, alcuni dispositivi opzionali a pagamento e, sempre a pagamento, il servizio di smontaggio non conservativo e il trasporto al piano terra delle apparecchiature e dei dispositivi da dismettere per poi procedere al ritiro e trattamento dei R.A.E.E..

La Convenzione avrà una durata di 18 mesi - con possibilità di proroga fino a ulteriori 12 mesi - mentre i contratti attuativi delle singole Amministrazioni avranno una durata di 12 mesi. Gli angiografi vascolari ordinabili in Convenzione sono dieci.

Ecco, di seguito, i servizi previsti.

Servizi connessi (inclusi nel prezzo della fornitura):

  • sopralluogo e attività connesse
  • consegna e installazione
  • verifica di conformità, formazione del personale e customer care
  • servizio di assistenza e manutenzione “full risk” per 12 mesi
  • ritiro dei rifiuti di apparecchiature elettriche ed elettroniche (R.A.E.E.)

Dispositivi opzionali a pagamento:

  • M1 – Monitor medicale a schermo piatto a colori da 19" in sala d'esame alloggiato nel supporto pensile e culla fornito per ospitare i monitor in sala esame.
  • M2 - Monitor medicale grande a schermo piatto e relativo supporto pensile in sostituzione dei monitor previsti nella configurazione base. Caratteristiche: da almeno 55"; risoluzione 8Mpixel; in grado di gestire 8 differenti ingressi video in modo dinamico; dotato di controlli a bordo tavolo.
  • G - Gruppo di continuità dell'angiografo per il mantenimento dei dati e della funzione di scopia e grafia (senza degradazione delle prestazioni) per almeno 5 min. con segnale di allarme stato batterie in sala controllo e in sala esame.
  • W - Workstation di post-elaborazione 3D.
  • I1 - Iniettore del MDC per uso vascolare (montato su struttura di tipo pensile) e relativa console di comando, completo di software dedicato, pienamente interfacciato e sincronizzato con l'acquisizione dell'angiografo.
  • I2 - Iniettore del MDC per uso vascolare (con struttura di tipo a carrello con ruote) e relativa console di comando, completo di software dedicato, pienamente interfacciato e sincronizzato con l'acquisizione dell'angiografo.
  • S1 - Acquisizione di immagini (con risoluzione 1024x1024 pixel) dei vasi periferici con tecnica del bolo sottratto e non sottratto e ricostruzione di immagini sottratte e non sottratte delle intere arterie delle gambe.
  • S2 - Acquisizione rotazionale di immagini (con risoluzione 1024x1024 pixel) e successiva ricostruzione di tipo 3D dei vasi (con matrice cubica fino a 5123).
  • S3 - Sovrapposizione di un'immagine di riferimento 3D, preparata con altre modalità (come CT o MR) o in acquisizione rotazionale 3D, all'immagine di scopia live.
  • S4 - Acquisizione rotazionale di immagini (con risoluzione 1024x1024 pixel a 12bit) e ricostruzione 3D di tipo CT (CBCT a basso contrasto).
  • S5 - Guida 3D nelle procedure di inserimento aghi con visualizzazione della traiettoria di inserimento dell'ago e rendering delle strutture ossee. Visualizzazione, su di un unico monitor e in tempo reale, dell'immagine dell'ago fusa con l'immagine di riferimento.
  • S6 - Sofware per embolizzazione. Funzione di: marcatura sulla ricostruzione 3D dei vasi afferenti al tumore da embolizzare, calcolo del volume da embolizzare e con sovrapposizione delle immagini 3D dei vasi da trattare con la scopia live durante il trattamento.
  • S7 - Software per la visualizzazione con codifica a colori del tempo d'irrorazione dei vasi e di permeazione del mezzo di contrasto.
  • S8 - Guida in tempo reale nelle procedure di tipo TAVI per determinare il corretto inserimento del catetere e il posizionamento della valvola ortogonale all'anello valvolare.
  • S9 - Visualizzazione ottimizzata degli stent.
Per saperne di più …
  ACCORDI QUADRO  
Tomografi a risonanza magnetica: nuova aggiudicazione

Sono due gli aggiudicatari del lotto sui Tomografi a risonanza magnetica 3,0 Tesla che sarà attivato entro la fine di maggio.

Anche per l’Accordo quadro Tomografi a risonanza magnetica (RM) è stato aggiudicato il lotto 2, che prevede la fornitura di 13 Tomografi a risonanza magnetica (RM) 3,0 Tesla, ripartiti tra due fornitori.

Si tratta di un Accordo quadro multi-aggiudicatario, a condizioni tutte fissate senza rilancio competitivo, per il quale le Amministrazioni potranno emettere ordinativi diretti agli aggiudicatari, in base ad un criterio di priorità della graduatoria di merito:

  • Siemens Healthcare S.r.l. - 9 apparecchiature
  • Philips S.p.A. - 4 apparecchiature

L’iniziativa avrà una durata di 24 mesi dalla data di attivazione - prevista entro il mese di maggio - e nel prezzo sono inclusi i seguenti servizi:

  • sopralluogo e attività connesse
  • consegna e installazione
  • collaudo
  • istruzione del personale
  • garanzia per 12 mesi
  • servizio di assistenza e manutenzione “full risk” per i primi 12 mesi
  • ritiro dei rifiuti di apparecchiature elettriche ed elettroniche (R.A.E.E.)
Per saperne di più …
  ACCORDI QUADRO  
Bandito il primo Accordo quadro per i servizi di pulizia

Con un nuovo approccio, che favorisce una maggiore partecipazione delle imprese, in particolare PMI, e garantisce alle P.A. soluzioni più flessibili, è stata pubblicata la gara per stipula di un Accordo quadro con più aggiudicatari.

La pubblicazione della gara per l’Accordo quadro sui servizi di pulizia inaugura una nuova strategia per il settore del facility management, basata su:

  • maggiore possibilità di scelta per le Amministrazioni, che possono ricorrere, in base alle proprie esigenze, a contratti integrati (ad esempio pulizie, manutenzioni, etc.) oppure mono servizi (ad esempio solo pulizie)
  • attenzione alla specificità del patrimonio immobiliare, differenziando i contratti in base alla destinazione (uffici, caserme, sanità, etc.) e alla dimensione (superficie lorda) degli immobili
  • aumento della partecipazione delle piccole e medie imprese e valorizzazione delle specializzazioni territoriali, attraverso una suddivisione in lotti di piccole dimensioni accessibili anche agli operatori minori (ridotti requisiti di capacità economico e/o contenuta struttura organizzativo/logistica)

L’Accordo quadro per i “servizi di pulizia” degli immobili a uso ufficio e per quelli in uso alle istituzioni universitarie e agli enti / istituti di ricerca - del valore complessivo di circa 1,4 miliardi di euro - è suddiviso in 31 lotti geografici, di cui 5 dedicati alle Amministrazioni con immobili di dimensione maggiore a 5.000 mq (“grandi immobili”) e 26 dedicati alle Amministrazioni con immobili di dimensione minore o uguale a 5.000 mq (“piccoli immobili”).

La presenza di molti lotti di piccole dimensioni e dedicati a immobili di superficie ridotta – in cui le piccole imprese territoriali possono esprimere al meglio le proprie capacità – e la previsione di vincoli di partecipazione tra lotti “piccoli” e “grandi” – uno stesso soggetto può partecipare, in alternativa, o a tutti i lotti grandi o al massimo a 10 lotti piccoli – intendono favorire la partecipazione delle piccole e medie imprese alla gara.

L’utilizzo dell’Accordo quadro multi-aggiudicatario consente, invece, di incrementare la flessibilità degli acquisti delle Amministrazioni. L’Amministrazione individuerà l’impresa fornitrice – tra gli aggiudicatari del lotto – attraverso un “configuratore” che consente, inserendo il proprio fabbisogno, di individuare l’offerta economicamente più vantaggiosa.

L’Accordo quadro avrà una durata di 36 mesi, con un’eventuale proroga di massimo 12 mesi, mentre i contratti stipulati con le Amministrazioni una durata di 48 mesi.

Per saperne di più …
  MONDO EPROC  
Scopri le Consultazioni del mercato

Le Consultazioni del mercato forniscono indicazioni utili in fase di definizione delle strategie di gara e rappresentano uno dei più importanti strumenti di collaborazione con le imprese.

Le imprese sono parte attiva nel processo di definizione delle strategie delle gare pubblicate sul Portale Acquisti in Rete. Contribuiscono, infatti, alla creazione di gare non solo in grado di rispondere alle esigenze della Pubblica Amministrazione, ma che rispecchino anche la realtà del mercato della fornitura. È inutile pubblicare una gara per un servizio configurato in maniera tale da non consentire un’ampia partecipazione delle imprese.

Le Consultazioni del mercato forniscono, infatti, indicazioni utili nella fase di studio della strategia di gara e nella predisposizione della relativa documentazione. Si tratta di uno degli strumenti più importanti di collaborazione con le imprese, messo a disposizione nell’ambito di Acquisti in Rete, che ha molteplici obiettivi:

  • garantire la massima pubblicità alle iniziative per assicurare la più ampia diffusione delle informazioni
  • ottenere la più proficua partecipazione da parte dei soggetti interessati
  • pubblicizzare al meglio le caratteristiche qualitative e tecniche dei beni e servizi oggetto di analisi
  • ricevere, da parte dei soggetti interessati, osservazioni e suggerimenti per una più compiuta conoscenza del mercato

Ma come avviene concretamente questa partecipazione?

Sul Portale Acquisti in Rete sono periodicamente pubblicati i questionari di “Consultazione del mercato”. Nella maggior parte dei casi si tratta di questionari relativi a gare per la stipula di Convenzioni e Accordi quadro ma, in alcuni casi, sono anche indagini su merceologie che saranno affrontate tramite altri strumenti, come l’indagine sulla fornitura di stampanti e multifunzione sul Mercato Elettronico

I questionari sono pubblicati nella sezione del Portale Programma > Questionari > Consultazione del mercato e sono organizzati per area merceologica. Le imprese interessate a dare un contributo possono scaricare il questionario, compilarlo e inviarlo all’indirizzo di posta indicato - o, in alcuni casi, compilarlo direttamente on line – entro i termini previsti.

Per saperne di più …