inail

Due iniziative per il mondo delle telecomunicazioni

Le iniziative attivate nel mese di maggio, per la fornitura di centrali telefoniche e dei servizi di telefonia mobile, rappresentano due cardini fondamentali delle TLC della Pubblica Amministrazione. Organizzate entrambe in un unico lotto, prevedono l’acquisto tramite l’emissione di un ordine diretto, anche se, nel caso della fornitura di centrali telefoniche, ciò avviene dopo aver individuato l’offerta economicamente più vantaggiosa attraverso l’uso di un configuratore.

Grazie all’Accordo quadro Centrali telefoniche 8, le Pubbliche Amministrazioni possono realizzare nuovi sistemi telefonici o provvedere all’ammodernamento dei sistemi telefonici esistenti. Nell’ambito dell’iniziativa, infatti, le P.A. possono soddisfare le proprie esigenze grazie alla fornitura di sistemi telefonici, di terminali e apparati correlati (posti operatore, piattaforme di gestione, etc.) e di:

  • servizi connessi, inclusi nella fornitura
    • installazione, configurazione e avviamento dei sistemi
    • dismissione dell’esistente
    • supporto al collaudo
    • Help Desk multicanale
    • invio flusso dati relativi ai livelli di servizio – reportistica
  • servizi connessi opzionali (che l’Amministrazione ha facoltà di acquistare solo contestualmente all’affidamento di una fornitura di sistemi telefonici e/o terminali e/o apparati correlati)
    • addestramento
    • assistenza tecnica e manutenzione
    • intervento su chiamata
    • presidio
    • telegestione dei sistemi
    • supporto sistemistico

L’Accordo quadro, in un unico lotto, a condizioni tutte fissate, è sia multi fornitore, sia multi brand. Multi fornitore, in quanto è stipulato con più fornitori (RTI Sielte S.p.A. / Vodafone Italia S.p.A.; Fastweb S.p.A.; Telecom Italia S.p.A. e RTI Wind Tre S.p.A. / Delo Instruments S.r.l.), multi brand, poiché vengono messe a disposizione diverse tecnologie ampiamente diffuse sul mercato italiano (Avaya, Mitel, Monkey Voice, Voismart, Sangoma e Alcatel-Lucent).

Gli obiettivi della nuova iniziativa mirano da un lato a massimizzare l’utilità per la Pubblica Amministrazione, rendendo disponibile un’offerta estesa a più brand tale da intercettare la maggior parte della domanda pubblica di centrali telefoniche, dall’altro ad aprire il mercato della P.A. a più operatori.

L’iniziativa ha un valore complessivo di 90 milioni di euro (IVA esclusa) per una durata di due anni, con possibilità di proroga sino ad ulteriori 6 mesi. I contratti delle singole Amministrazioni avranno una durata al massimo di 4 anni e saranno affidati all’impresa la cui soluzione, in funzione dei requisiti espressi dall’Amministrazione, risulterà economicamente più vantaggiosa. A tal fine è prevista la disponibilità di strumenti a supporto - configuratore e comparatore - per la selezione del brand e del fornitore. Una volta individuata l’impresa, l’Amministrazione potrà predisporre il proprio ordine diretto.


Per saperne di più….



Passando, invece, alla Convenzione Telefonia mobile, l’ottava edizione è stata attivata con Telecom Italia S.p.A. e, oltre ai servizi di telefonia mobile, in abbonamento e ricaricabili, con possibilità di addebito separato dei servizi fruiti a titolo personale, consente di noleggiare terminali radiomobili – telefoni, tablet di diverse tipologie e sistemi operativi, oltre a modem per computer portatili - per i quali è poi incluso il servizio di manutenzione.

L’acquisto avviene direttamente dal catalogo, predisponendo un ordine diretto di fornitura a sistema, dopo aver compilato tutti i moduli Excel relativi all’attivazione e/o migrazione delle utenze.

Nello stesso ordine è possibile richiedere anche nuovi terminali radiomobili e, attraverso ordinativi collegati, effettuare la richiesta di utenze ulteriori e di tutti i prodotti / servizi previsti in Convenzione ad integrazione dell’ordine.

Per saperne di più….