collegamento al menù di testata
collegamento all"area di login
collegamento al menù principale
collegamento all"area di ricerca
collegamento al contenuto
collegamento al menù di fondo

Acquistinretepa - Menù di testata

Acquistinrete della Pubblica Amministrazione

acquistinretepa.it Il portale degli acquisti della Pubblica Amministrazione
Acquistinretepa.it: la risposta alle tue esigenze!

Ti trovi in Primo Piano Il Mercato Elettronico, un mondo in evoluzione

Il Mercato Elettronico, un mondo in evoluzione


A tre mesi di distanza dalla pubblicazione dei due nuovi bandi – Beni e Servizi – che hanno sostituito i precedenti, ci si può chiedere che cosa sia ormai il Mercato Elettronico della P.A. e che cosa sia diventato rispetto a quello che era alla sua nascita, nel lontano 2002.

La trasformazione è totale. Siamo passati da un catalogo elettronico per un limitato numero di merceologie a uno strumento totalmente flessibile che consente di fare acquisti dal catalogo sì, ma anche di avviare negoziazioni a partire da un prodotto o servizio generico, con un'estensione merceologica sempre maggiore.

E se all’inizio la domanda era “Cosa c’è sul Mercato Elettronico?”, oggi bisogna chiedersi se ci sia qualcosa che manchi. E d’altronde, considerando gli obblighi normativi nei confronti del MePA, mettere a disposizione delle Amministrazioni il maggior numero possibile di merceologie è semplicemente un atto dovuto, che col tempo sta diventando realtà.

Concretamente, il bando dedicato ai beni raccoglie ormai 18 categorie merceologiche - corrispondenti ad altrettante categorie di abilitazione delle imprese – dagli arredi all’informatica, dagli impianti per la produzione di energia da fonti rinnovabili alle attrezzature di sicurezza e difesa, solo per citarne alcune.

Il bando Servizi è ancora più vasto e ricomprende 43 categorie merceologiche per le quali, nella maggior parte dei casi, non è presente un catalogo ma che consentono, tramite richieste di offerta o trattative dirette, di soddisfare le esigenze più svariate, dall’organizzazione dei viaggi ai servizi bancari, dalla vigilanza ai servizi di pulizia, dalla conservazione digitale a servizi professionali di ogni genere.

Il tutto senza dimenticare i 7 bandi sui lavori di manutenzione – “Edili”, “Impianti”, “Idraulici, Marittimi e Reti Gas”, “Stradali, ferroviari e aerei”, “Beni del Patrimonio Culturale”, “Ambiente e Territorio” e “Opere specializzate” – attivi ormai dal luglio del 2016.

Complessivamente i numeri del Mercato Elettronico raccontano una storia importante, con più di otto milioni di offerte pubblicate, più di 80.000 imprese abilitate (di cui il 95% piccole e micro imprese) e 500.000 transazioni effettuate da quasi 40.000 punti ordinanti della Pubblica Amministrazione. Sono numeri sempre in crescita, anche grazie al continuo ampliamento merceologico, come testimonia la recente introduzione di quattro nuove categorie di servizi: i Servizi di mediazione e amministrazione immobiliare, i Servizi di organizzazione viaggi, i Servizi di ricerca, selezione e somministrazione del personale e i Servizi di voucher sociali.

Insomma, il Mercato Elettronico è ormai un mondo, un mondo che, grazie alle novità – tra cui il motore di ricerca – che vedranno la luce all’inizio del nuovo anno, sarà sempre più facile esplorare e utilizzare per il buon funzionamento della nostra Pubblica Amministrazione.

E naturalmente, per tutte le esigenze di acquisti al di sopra della soglia comunitaria, sono sempre a disposizione le Convenzioni e gli Accordi quadro, che coprono anche in questo caso un ampio ventaglio di merceologie. Tra gli ultimi arrivi, solo per citarne alcuni, ci sono gli Accordi quadro per l’acquisto di stent e di pacemaker per la Sanità e le Convenzioni sui server, sui pc desktop e sulle licenze software – IBM passport, Microsoft Gol e Oracle - per quanto riguarda il mondo IT. Non resta altro da fare che scoprire tutte le iniziative disponibili.


Link utili